Consapevoli di vivere in un epoca dove 1/5 della popolazione gode dei 4/5 delle risorse del pianeta, dove la politica sembra essere totalmente asservita all’economia e guerre e carestie si susseguono per questioni di profitto uccidendo milioni di persone innocenti, mentre qui da noi, parte ricca del mondo, diritti fondamentali come il lavoro, la casa, la salute, la scuola, l’informazione, la cittadinanza, cuore della nostra Costituzione sono sottoposti a un lento e strisciante smantellamento, il 31 maggio 2009 è stata fondata, la sezione A.N.P.I di Bovisio Masciago. Assumendosi l’impegno di riscoprire ciò che è stata la Resistenza e la Liberazione dal nazifascismo nel nostro comune e territorio, onorare, conservare e diffondere la memoria di coloro che con coraggio, dedizione e sacrificio anche della vita, contribuirono a consegnarci un paese libero e democratico, difendere la Costituzione repubblicana, nata dalla Resistenza e dai valori di giustizia, libertà, solidarietà e uguaglianza per cui si batterono i partigiani. Oggi attuata ancora soltanto in parte. In parte è invece ancora un programma, un ideale, una speranza, un impegno e un lavoro da compiere, per noi e per le generazioni future.


“INCONTRO ALL’AFGANISTAN”
Ma quanto si potrebbe fare se l'economia di guerra venisse riconvertita in educazione alla pace, in aiuto allo sviluppo ed alla salute globale?
foto foto foto foto foto foto foto Abbiamo pensato che l’esperienza dell’ Afghanistan, e l’esperienza di Emergency potrebbero aiutarci. Una serata di testimonianze, ma anche di cultura, di riflessione. Proviamo a diffondere la cultura della pace. Possiamo cominciare.
È disponibile il video della serata

Lunedì 1 novembre 2011.
Commemorazione del 67.mo. della catture e deportazione dei Partigiani di Bovisio Masciago


foto foto foto foto foto foto foto foto foto foto La vittoria della Libertà, arrivata grazie alla tenacia e all’eroismo di coloro che pagarono la disobbedienza al regime fascista ed all’occupazione nazista con le umiliazioni, le botte, le violenze, il carcere e la vita, è un risultato che va difeso ogni giorno con il nostro impegno civile. Perchè gli ideali ed i valori incarnati dalla Resistenza siano il perno della nostra vita civile. Ideali quali la Libertà e la Giustizia sociale. Che per la Resistenza costituirono un binomio inscindibile. 67 anni dopo, abbiamo ancora tanto da fare per costruire l’Italia che quei giovani sognavano. Per questo siamo qui.
Con noi qui, Bovisio Masciago ricorda i suoi figli, i suoi concittadini,
i suoi giovani che fecero la scelta di diventare partigiani.
lettura dal libro “Tu passerai per il camino”di Vincenzo Pappalettera
Breve intervento commemorativo del presidente A.N.P.I. di Bovisio Masciago

Venerdì 21 Ottobre 2011.
Incontro pubblico con: Andrea Di Stefano Direttore della rivista Valori. Gianmarco Bachi Giornalista di Radio Popolare.
CRISI: due anni dopo in quale crisi siamo?

foto foto foto foto
Nel 2009 fallivano le banche, l’economia andava a pezzi , migliaia di persone perdevano il lavoro e la "Crisi" cominciava a soffocare le famiglie. Due anni dopo in quale "Crisi" siamo?
Noi dell’A.N.P.I. siamo anche molto preoccupati perché le misure del Governo per combattere la Crisi, lungi dal risolvere i problemi, in realtà scardinano a piene mani i dettami della nostra Carta Costituzionale nata dalla Resistenza, e attaccano gli impianti del nostro modello di vita disegnato dai nostri padri costituenti
È disponibile il video dell'intera serata

17 settembre 2011: Cena degli iscritti e dei simpatizzanti.

foto foto foto foto foto foto foto foto foto foto foto foto foto foto foto foto


Una bella serata in compagnia e allegria. Occasione per presentare i progetti della nostra sezione per il nuovo anno, raccogliere osservazioni, critiche, riflessioni, e anche qualche complimento per le attività svolte nell’anno trascorso. Non ultima, una buona occasione per rimpinguare le casse della sezione, che non guasta. Una bella festa preparata con cura, con la partecipazione attiva di tutti quanti, compresi altri amici e compagni, che non hanno potuto partecipare fisicamente, ma hanno contribuito nella preparazione. Un caro grazie a tutte/i.

12 giugno 2011: Festa del volontariato 2011

foto foto foto foto Andermark Agostino, Partigiano, fondatore del primo gruppo scout a Bovisio manifesto

1861 - 2011 Breve (e incompleta) cronologia dell'Italia solidale.
Prendiamo a prestito questi concetti e parole in cui ci riconosciamo dal FORUM TERZO SETTORE, di cui appreziamo la ricerca che invitiamo tutti a visitare , per sintetizzare il significato della partecipazione dell'A.N.P.I. a questa giornata di festa.
Di Unità d’Italia si può parlare da molti punti di vista. Presentiamo una breve cronologia che ha come punto di riferimento alcune tappe – scandite da attività sociali, percorsi culturali, leggi conquistate, etc. - attraverso cui, in questi 150 anni, si sono uniti gli italiani. Unire gli italiani significa creare ponti dove vi erano fratture, riconoscere diritti dove erano negati, sostituire la discriminazione con l’uguaglianza. Significa agire su molti fronti costruire coesione sociale, solidarietà, integrazione, sviluppare il welfare, migliorare le condizioni di lavoro, diffondere l’istruzione e la cultura. Gli italiani e i movimenti protagonisti di queste storie, di questo “cemento” che ha unito l’Italia e gli italiani, hanno spesso costruito tali risultati con l’impegno di una vita in nome di ideali di libertà, fraternità e uguaglianza. Alcuni di loro hanno saputo dire dei “no” a violenze e lacerazioni che il loro tempo riteneva naturali.Altri hanno dato la loro vita poiché noi oggi potessimo godere di queste libertà. Insieme hanno cambiato il nostro Paese in meglio.


Comitato Genitori - A.N.P.I. propongono:
150 ANNI DI UNITÀ D’ITALIA
approfondimento condotto dal Prof.Giovanni Missaglia
Manifesto
Manifesto
foto Se noi tutti, Nord e Sud, tra l'800 e il 900 entrammo nella modernità, fu perché l'Italia si unì facendosi Stato…..Quell’unità rappresenta oggi, guardando al futuro, una conquista e un ancoraggio irrinunciabili. Rievocando la lotta per l’indipendenza e per la libertà d’Italia, assumendo il nome di “Secondo Risorgimento” il movimento partigiano intese dare una precisa definizione di se stesso, rivendicare in modo esplicito il carattere nazionale della guerra che conduceva….

é disponibile il video della lezione

Proiezione del film: Il Sangue Verde Venerdì 13 Maggio 2011 ORE 21.00 - Palazzo Comunale Piazza Biraghi, 3 - Bovisio Masciago
“La voce dei braccianti africani che hanno manifestato a Rosarno contro lo sfruttamento e la discriminazione: 7 volti, 7 storie e un’unica dignità.”
Locandina film il Sangue Verde Manifesto Foto relatori
Contributi di :
• Jorge Carazas: narrazione del drammatici giorni sotto la Torre di Via Imbonati a Milano.
• Lassaad Ben Nasr, funzionario FILLEA-CGIL Monza Brianza: condizioni di lavoro nei cantieri.
• Gli immigrati a Bovisio Masciago: dati e storie raccolte e raccontate dal Centro di ascolto della Caritas della Comunita pastorale Beato Luigi Monti.
É disponibile il video della serata

25 Aprile 2011,
66° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE DAL NAZI-FASCISMO
manifesto 25 Aprile 2011 Martedì 19 Aprile 2011 ORE 21.00 - Palazzo Comunale Piazza Biraghi, 3 - Bovisio Masciago

Lunedì 25 aprile 2011, Festa della Liberazione
ore 10,00 corteo cittadino. Ritrovo in piazza Biraghi. Ore 14.00 corteo nazionale a Milano da Porta Venezia. Ritrovo e, partenza dalla stazione FNM di Bovisio Masciago con il treno delle ore 13.36.


festeggiamenti per i 150 anni dell'unità d'Italia. Perché l’A.N.P.I. festeggia l’unità d’Italia:
Il Risorgimento dava il via alla rinascita dell’Italia.La Resistenza, liberando il paese dall’invasore tedesco e dalla tirannia fascista, portava a compimento il percorso repubblicano e democratico. Centinaia di migliaia di italiani hanno sacrificato la vita per la nostra patria. L’unità nazionale è stata tra i fattori determinanti per la crescita del progresso e del benessere in tutto il paese segue ...
12 Marzo 2011 Manifestazione in difesa della scuola pubblica e della Costituzione
foto Assoluto rispetto della scuola pubblica. Lo chiede la segreteria nazionale dell'Anpi
"Signor Presidente del Consiglio, i partigiani, gli antifascisti, i democratici dell’ANPI le chiedono assoluto rispetto della scuola pubblica". "E’ suo dovere costituzionale valorizzarla e sostenerla, non insultarla. E’ inammissibile il trattamento riservato a quanti, ogni giorno, con impareggiabile senso di responsabilità, dedicano la propria vita, accettando misere condizioni economiche, all’educazione dei nostri ragazzi, al loro futuro civile e professionale". "Gli insegnanti meritano parole ben diverse da un capo del governo. L’Italia è stanca di essere maltrattata, di vedere maltrattata e minacciata la garante suprema dei suoi diritti, della sua convivenza civile, quella Costituzione nata dal sangue, dal sacrificio di donne e uomini che non hanno esitato un istante a battersi per la libertà del proprio Paese. Rispetto, Presidente. Rispetto".

Bovisio Masciago GIORNO DELLA MEMORIA 2011
foto foto foto foto

LA COMPAGNIA DEGLI STRACCI PRESENTA:
“L’UMANITÀ RIDOTTA ALL’OSSO”
in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.
Intervento di GIUSEPPE VALOTA Presidente A.N.E.D. Sesto San Giovanni (associazione nazionale ex deportati
)


ARCHIVIO ATTIVITÀ 2010
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2009