Consapevoli di vivere in un epoca dove 1/5 della popolazione gode dei 4/5 delle risorse del pianeta, dove la politica sembra essere totalmente asservita all’economia e guerre e carestie si susseguono per questioni di profitto uccidendo milioni di persone innocenti, mentre qui da noi, parte ricca del mondo, diritti fondamentali come il lavoro, la casa, la salute, la scuola, l’informazione, la cittadinanza, cuore della nostra Costituzione sono sottoposti a un lento e strisciante smantellamento, il 31 maggio 2009 è stata fondata, la sezione A.N.P.I di Bovisio Masciago. Assumendosi l’impegno di riscoprire ciò che è stata la Resistenza e la Liberazione dal nazifascismo nel nostro comune e territorio, onorare, conservare e diffondere la memoria di coloro che con coraggio, dedizione e sacrificio anche della vita, contribuirono a consegnarci un paese libero e democratico, difendere la Costituzione repubblicana, nata dalla Resistenza e dai valori di giustizia, libertà, solidarietà e uguaglianza per cui si batterono i partigiani. Oggi attuata ancora soltanto in parte. In parte è invece ancora un programma, un ideale, una speranza, un impegno e un lavoro da compiere, per noi e per le generazioni future.

AKtion T4 Prove generale di uno sterminio
Da sabato 16 Novembre a domenica 1 Dicembre 2013
“UNO DI NOI”
Due settimane sul tema della disabilità
“UNO DI NOI”, perché è un problema che riguarda tutti noi, e che potrebbe capitare a ciascuno di noi. AKtion T4: anni ‘30, Come oggi, una grave crisi economica imperversa in tutta Europa. In Germania, nel gennaio 1933, Hitler sale al potere. Prevale la folle ideologia della la razza ariana. Cinque mesi dopo, il governo del Reich emana una legge allo scopo di impedire la trasmissione delle malattie genetiche ereditarie, 400 mila persone vengono sterilizzate affinché non possano procreare figli “difettosi”. Vengono predisposti appositamente per il progetto eutanasia 6 istituti psichiatrici, con le prime camere a gas ed i primi forni crematori, ed una compagnia di trasporto per il trasferimento in questi istituti dei soggetti da sopprimere. Dopo gli omicidi, una lettera informava i familiari del decesso, avvenuto per “un improvviso aggravamento della malattia”; così repentino, che il paziente non ha sofferto. Dal 1939 al 1941 vengono uccise 180mila persone disabili. La mostra ci narra storie, nomi, che potrebbero essere i nostri, o dei nostri vicini di casa. “UNO DI NOI”. Questa è la mostra. AKtion T4.
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
Noi pensiamo che ogni persona debba sapere, e non dimenticare. Perchè non furono mostri venuti da un altro mondo a generare una tale follia, ma furono uomini, uomini di scienza: psichiatri, medici, professori, perfettamente inseriti nel loro tempo e nella loro società. Uomini e donne che poi andavano a casa e continuavano serenamente a vivere con le loro famiglie.
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
Veniamo all’oggi: dalla lotta di Liberazione, dalla lotta partigiana contro il nazifascismo abbiamo ereditato la Costituzione, che sancisce che gli uomini hanno tutti uguali diritti, e lo Stato deve assicurare a tutti il diritto ad una vita degna di essere vissuta e il diritto alla salute. A che punto siamo? Quanto incidono ancora i pregiudizi nei confronti dei disabili? E’stato sconfitto il sentimento della “vergogna” o si è ancora costretti a vivere la malattia e la diversità come una colpa? Sicuramente si sono fatti grandi passi in avanti, ma si registrano ancora episodi di intolleranza e respingimento delle persone diversamente abili. Le Istituzioni cosa fanno? In un tempo di crisi come questo, spesso proprio le risorse per il sostegno alle persone in difficoltà vengono tagliate per prime.
Siamo una società solidale, oppure no?
INTRODUZIONE AKTION T4 Abbiamo il dovere di ricordare.

1 Novembre 2013 69° anniversario dell'arresto e della deportazione dei Partigiani di Bovisio Masciago
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
Prendevano corpo i sogni di riscatto di molti italiani, per un‘Italia libera e democratica. Senza più discriminazioni né diseguaglianze e ingiustizie sociali. Un’Italia di pace e inclusiva. Ma l’occupazione nazista e le forze fasciste erano ancora da sconfiggere, ed i sacrifici furono enormi ed immani, in termini di vite perdute, e di sofferenza. 69 anni dopo, non ci possiamo permettere il lusso di dimenticare. ACCADDE IN QUEI GIORNI DEL NOVEMBRE 1944 Abbiamo il dovere di ricordare.

Domenica 6 Ottobre 2013, l'A.N.P.I. di Bovisio Masciago
rende omaggio ai migranti morti a Lampedusa
Una cinquantina di cittadini stamattina ha risposto all'invito dell'A.N.P.I. a trovarsi in piazza Biraghi per rendere omaggio ai migranti morti a Lampedusa e per chiedere l'abolizione della Bossi-Fini, del reato di clandestinità e la chiusura di tutti i C.I.E.foto Ciascun cittadino si è presentato con un fiore. Sono state lette testimonianze dei soccorritori di lampedusa ed una dichiarazione di Don Ciotti. Al termine un toccante minuto di silenzio. Poi i fiori sono stati portati al cimitero e deposti accanto alle lapidi dei partigiani, testimoniando un collegamento tra chi è morto per la libertà 70 anni fa e chi è morto in cerca della libertà oggi. Grazie a tutti e a tutte coloro che hanno partecipato. Grazie alle parole toccanti di Tina, a quelle solidali di Daniela, ai propositi di Antonella e Giuliano, al sentito ricordo di Sergio. Avremmo potuto essere di più, ma non eravamo pochi. Siamo ancora umani. RESTIAMO UMANI.
L'assessore ai servizi sociali di Lampeusa, informata della nostra manifestazione ci ha scritto ringraziandoci e chiedendo un gesto di concreta solidarietà per le difficoltà che il comune sta affrontando. Questo il testo della mail:
"Grazie, Maria Grazia! Grazie a te e a voi tutti per la vostra vicinanza. Abbiamo veramente bisogno del conforto e dell'incazzatura di tutti!" .Vi mando i dati per eventuali contributi volontari: Conto Corrrente Postale 11445921 Conto corrente bancario Unicredit IBAN IT21A 02008 82960 000300001307 Conto corrente bancario Uicredit IBAN IT20M 07601 16600 0000 11445921 Intestati a Comune di Lampedusa e Linosa CAUSALE: Solidarietá per emergenza immigrazione Lampedusa

25 Aprile 2013, le inziative di commemorazione e cebrazione
21 Aprile. Visita al Sacrario di Marzabotto
foto
foto
foto
foto
24 Aprile. Proiezione del film Partiti per Bergamo.
foto
foto
foto
foto
foto
foto
foto
25 Aprile. Corteo cittadino e manifestazione nazionale a Milano
foto
foto
foto
foto
intervento del presidente dell'A.N.P.I. di Bovisio Masciago

Cena annuale degli iscritti e dei simpatizzanti
foto
foto
foto
foto
foto
foto
Cena degli iscritti e simpatizzanti A.N.P.I. Bovisio Masciago. (tenuta presso i locali dell’oratorio di S.PANCRAZIO) Un’occasione per trascorrere insieme una piacevole serata e per sostenere le prossime attività dell’A.N.P.I.

XVIII GIORNATA DELLA MEMORIA E DELL’IMPEGNO
IN RICORDO DELLE VITTIME INNOCENTI DI MAFIA
immagine
foto
foto
foto
foto
foto

Serata antimafia a Bovisio Masciago.
Invitati dall’A.N.P.I. locale, Valerio D’Ippolito, referente per l’associazione Libera di Monza Brianza, e Marino Cannata, figlio di un agricoltore ucciso dalla mafia in Calabria, hanno raccontato le loro esperienze e messo in risalto il fatto da molti sottovalutato, che ormai le mafie hanno esteso il loro malaffare in tutta la Lombardia, compresa la Brianza. Hanno ricordato l’operazione Infinito che ha portato a 40 condanne, anche di mafiosi operativi a Desio e nei paesi vicini....
È disponibile il video della serata


GIORNO DELLA MEMORIA 2013
foto
foto
foto
foto
foto
foto

Il giorno della memoria a Bovisio Masciago, una data per ricordare e un’occasione per approfondire la conoscenza della storia dello sterminio e delle deportazioni nazi-fasciste. La Shoah, la persecuzione degli ebrei in Europa, le deportazioni dalla Brianza, narrate da testimoni diretti, ex deportati ebrei e politici. le storie narrate dai loro famigliari accompagnate dalla ricostruzione di un ricercatore storico. Storia dell’orrore e la forza della Resistenza anche nei Lager. apprendere i fatti e le cause, perché nessuno possa dire “io non lo sapevo”. Perché tutti ci impegnamo affinché non si ripeta.
È disponibile il video dell'iniziativa del 24 Gennaio


ARCHIVIO ATTIVITÀ 2012
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2011
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2010
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2009