Consapevoli di vivere in un epoca dove 1/5 della popolazione gode dei 4/5 delle risorse del pianeta, dove la politica sembra essere totalmente asservita all’economia e guerre e carestie si susseguono per questioni di profitto uccidendo milioni di persone innocenti, mentre qui da noi, parte ricca del mondo, diritti fondamentali come il lavoro, la casa, la salute, la scuola, l’informazione, la cittadinanza, cuore della nostra Costituzione sono sottoposti a un lento e strisciante smantellamento, il 31 maggio 2009 è stata fondata, la sezione A.N.P.I di Bovisio Masciago. Assumendosi l’impegno di riscoprire ciò che è stata la Resistenza e la Liberazione dal nazifascismo nel nostro comune e territorio, onorare, conservare e diffondere la memoria di coloro che con coraggio, dedizione e sacrificio anche della vita, contribuirono a consegnarci un paese libero e democratico, difendere la Costituzione repubblicana, nata dalla Resistenza e dai valori di giustizia, libertà, solidarietà e uguaglianza per cui si batterono i partigiani. Oggi attuata ancora soltanto in parte. In parte è invece ancora un programma, un ideale, una speranza, un impegno e un lavoro da compiere, per noi e per le generazioni future.
bandiera ANPI Bovisio M Durante lo scorrere di questo anno, molte altre attività hanno impegnato la sezione. Il lungo periodo di campagna referendaria culminato con il voto del 4 Dicembre, ci ha impegnati in gazebi informativi presso il mercato comunale e in due serate di approfondimento con relatori di altissima competenza. La bandiera di sezione è stata presente in momenti significativi di commemorazione della Resistenza, a Fodotoce come a P.le Loreto, in vari presidi per chiedere accoglienza e rispetto dei diritti umani verso i migranti, per testimoniare la nostra contrarietà e protesta verso la presenza di manifestazioni di stampo xenofobo e fascista. In un momento di forte discussione e talvolta di divisione come il referendum costituzionale, attraverso la cena degli iscritti e simpatizzanti, abbiamo voluto creare un momento in cui le persone potesserro incontrarsi e confrontarsi, in modo informale, ma sicuramente più libero, rispettoso e autentico. L'annuale assemblea di sezione con presentazione e approvazione del bilancio economico e dell'operato del direttivo, ha avuto momenti di discussione chiarificatrice sulla conclusione del percorso referendario con l'impegno che dove sono sorti motivi di divisione si possa nel tempo recuperare una visione più comune, ed ha posto all'attenzione le sempre più preoccupanti e incalzanti manifestazioni di rinascente fascismo, della necessità di continuare il lavoro di sensibilizazione ai valori della pace e della civile convivenza rivolgendo maggiori sforzi verso i giovani e la scuola nel suo insieme.

DA SABATO 22 OTTOBRE A SABATO 12 NOVEMBRE 2016
LA RESISTENZA NELLA LETTERATURA

Nel fascino di Villa Crivelli, ospiti dell'Istituto Castiglioni,
le sezioni ANPI di Bovisio M. Cesano M. e Limbiate
immagine immagine immagine immagine immagine immagine immagine hanno proposto un ciclo di letture per gli studenti e per la cittadinanza; gli incontri curati dalla professoressa Annamaria Ronzio, hanno saputo accomunare le diverse generazioni in un viaggio nella nostra storia recente, riflettendo sul nostro presente e sul futuro che vorremmo, accompagnati dalle armonie della Band degli studenti e coccolati dai dolcetti. Davvero dei bei pomeriggi. Grazie alla dirigenza, al personale e agli insegnanti della scuola

MARTEDÌ 1 NOVEMBRE 2016
PER NON DIMENTICARE - PER NON DIMENTICARLI
immagine immagine immagine immagine Commemorazione nel 72°anniversario della deportazione dei Partigiani di Boviso Masciago. Manifestazione di gratitudine per chi ha riscattato, con la propria vita, la nostra libertà e dignità ci invita così a far riemergere una politica intesa come servizio, onestà e legalità, solidarietà e trasparenza. E a recuperare anche il senso profondo di quell’umanità che spesso fatichiamo a scorgere nella quotidiana rissa verbale il cui unico scopo sembra essere quello di conquistare facili consensi, alimentando irrazionali paure ed insensati egoismi.


4 Settembre 2016, raccolta fondi in solidarietà
con le vittime del terremoto in centro Italia
immagine Rigraziamo tutti igli iscritti e i gli amici che hanno voluto partecipare all'iniziativa di sezione Aperitivo Solidale manifestando in questo modo la loro vicinanza alla popolazione dei paesi devastati dal sisma del 24 agosto in centro Italia.
Sono stati raccolti 330 € che si aggiungono ai 100 € deliberati dal direttivo di sezione.
Abbiamo deciso di sostenere l'inziativa della ONLUS SAVE THE CHILDREN ITALIA che fin da subito si è prestata nell'opera di soccorso e sollievo verso i bambini delle zone colpite, ed anche per sua lunga storia di intervento a tutela dei minori


2 Giugno 1946 - 2016, 70ª Festa della Repubblica
PERCHÉ; NEL MIO PAESE NESSUNO È STRANIERO

Ore 20.30 nel centro sportivo Giorgetti, di Bovisio Masciago si è giocata la prima; Partita dell'Accoglienza che ha visto sfidarsi in un torneo triangolare, le squadre: dell’AC Bovisio M. della Virtus Bovisio M. e la Squadra Ospite dei richiedenti asilo. Nel giorno della festa della Repubblica, facciamo il tifo per i valori di accoglienza,
solidarietà e reciproca comprensione immagine immagine immagine
FARE SQUADRA, sarebbe stato il motto giusto per questo evento; e lo è per questo progetto. L’ANPI di Bovisio M. partecipa al "Il tavolo per l'integrazione" delle persone richiedenti asilo convocato dall’amministrazione comunale la prima volta il 23 settembre 2015. Obiettivo del tavolo è mettere in atto iniziative in collaborazione con associazioni, e altri enti , per sensibilizzare il territorio sulla questione dei profughi, dei richiedenti asilo e rifugiati. Una sensibilità diffusa verso il fenomeno favorisce indirettamente l’integrazione. Presenti al tavolo le associazioni di volontariato del territorio, la rete territoriale RTI-BONVENA, Cooperativa Sociale della Brianza e aggiunte nel tempo le associazioni Sportive e Culturali interessate ad aiutare il processo integrativo. Altra presenza istituzionale il CPIA-Centro Provinciale Istruzione Adulti. Molti piccoli e grandi problemi sono stati risolti concretamente grazie alla buona volontà delle persone intorno al tavolo. Sono state programmate diverse iniziative a favore dell'integrazione e dell'accoglienza delle persone richiedenti asilo già presenti a Bovisio M.

26 MAGGIO 2016 PRESENTAZIONE DEL
COMITATO REFERENDARIO INTERCOMUNALE
immagine
immagine immagine È stato presentato il Comitato referendario che fa capo alle sezioni ANPI di Bovisio M. Cesano M. e Limbiate. Un appello delle tre A.N.P.I. a tutti i cittadini democratici e antifascisti dei nostri comuni per un loro personale impegno nella raccolta delle firme a supporto dei REFERENDUM per la modifica dell’italicum e per l’abrogazione delle modifiche costituzionali approvate dal governo; un impegno per arrivare alle scadenze d’autunno cercando d'informare il maggior numero di cittadini sui rischi delle modifiche in atto. La presentazione è stata supportata dall’intervento di Loris Maconi presidente A.N.P.I. Monza Brianza che ha illustrato le motivazioni per le quali l’A.N.P.I. pur rischiando le polemiche ha il diritto/dovere d’intervenire su questa materia; e da una lezione di notevole profondità del Prof. Felice Besostri, che ha saputo rendere più semplici gli ostici argomenti della modifiche costituzionali, della nuova legge elettorale e del loro reciproco interagire in senso non più fedele ai Principi Costituzionali, pericolosamente poco rappresentativo della realtà sociale italiana, dell’avviso con cui la stragrande maggioranza degli studiosi di questa parte del diritto hanno indicato come si sarebbe potuto ottenere riforme più adeguate alla realtà della nazione, con modifiche meno impattanti sul piano della democrazia rappresentativa e ben più incisive sui costi della politica, se questo fosse stato il reale problema in questione. Le ragioni del no alle modifiche costituzionali, perchè chiediamo la modifica dell'italicum

8 MAGGIO 2016 MASCIAGO IN FIORE
immagine immagine immagine immagine immagine immagine Quest'anno la sezione A.N.P.I. è stata presente alla manifestazione cittadina con un gazebo sul tema dei valori e dei diritti, un simpatico gioco che ha divertito parecchi bambini, alcuni davvero preparati nel descrivere il significato delle parole che centravano, mentre i genitori potevano documentarsi e firmare a sostegno dei quesiti referendari sulla legge elettorale ITALICUM

domande e risposte più frequenti sui referendum



25 Aprile 2016 Manifestazione cittadina
manifesto commemorativo commemorazione alle lapidi dei Partigiani commemorazione alle lapidi dei Partigiani Scopertura della targa al Partigiano Tiulzi Osvaldo Sosta ai caduti della 2 guerra mondiale Corteo cittadino Presentazione del lavoro sul tema del RISPETTO a cura degli alunni Presentazione del lavoro sul tema del RISPETTO a cura degli alunni Presentazione del lavoro sul tema del RISPETTO a cura degli alunni Discorso del presidente ANPI di Bovisio Masciago Foto Celebrativa Manifestazione nazionale a Milano Manifestazione nazionale a Milano manifestazione nazionale a Milano Intervento di Giusi Nicolini Sindaco di Lampedusa Partito con l’omaggio alle sette lapidi dei Partigiani, il corteo cittadino del 25 Aprile quest'anno arricchito dalla presenza di una scolaresca della nostra scuola elementare si è mosso sul tradizionale percorso di ricordo dei caduti di tutte le guerre. Ad ogni fermata i bambini ci hanno raccontato le loro riflessioni sulla guerra e sulla libertà; i pensieri semplici ma tutt’altro che banali dei bambini ci offrono costante materia di riflessione. Giunti al municipio ai discorsi commemorativi del Sindaco e del presidente ANPI di Boviso M. si è aggiunta, sempre a cura degli alunni, l’esposizione del lavoro svolto durante l’anno scolastico attorno al tema del RISPETTO, uno dei principi fondamentali perché si possa vivere in un mondo di PACE. Una speranza che cresce con loro; e alla costruzione di questa speranza siamo tutti chiamati a concorrere tutti i giorni, per liberare noi stessi e il nostro ambito di vita dai disvalori di intolleranza, pregiudizio, avidità che spesso impediscono la pace, il rispetto reciproco, e il sereno sviluppo dei rapporti solidali tra gli uomini e tra i popoli.
17 Aprile 2016 Visita al Museo della resistenza di Torino
ingresso museo Come ormai consuetudine della sezione, celebriamo la Liberazione anche con un viaggio di memoria e cultura nei luoghi di avvenimenti importanti per la lotta Partigiana. Quest'anno abbiamo visitato la città di Torino e il Museo multimediale di via Valdocco. Un percorso guidato e ragionato negli eventi della guerra e della liberazione dal nazifascismo, attraverso testimonianze, documenti, e modalità del vivere quotidiano di quel tempo. Nel pomeriggio un simpatico momento di ristoro e convivialità presso la Cooperativa Sociale Towanda.
71° anniversario della Liberazione
”RESTIAMO UMANI”

Nuovi sentieri Partigiani
Nella preparazione alla festa del 71° anniversario della Liberazione abbiamo scelto di dedicare il nostro ricordo e la nostra attenzione a chi nei nostri giorni ancora incarna e dà significato alla parola antifascista: “RESTIAMO UMANI” Una Preghiera, Uno slogan come lo fu “I Care” nei confronti del fascista “me ne frego”
Un’esortazione che porta le figure dei nostri Partigiani al giorno d’oggi. La loro scelta fu innanzitutto di non rinunciare alla propria Coscienza di Umanità, e quindi a fare scelte di di umanità.
Molte volte abbiamo ricordato l’umanità come tratto fondamentale del dottor Oreste Biraghi, di Mario Monguzzi nell’impresa di salvare il suo compagno, di Agostino Andermark , di Ferruccio Sala, giovane comandante Partigiano, di Francesco Ghianda, operaio che sfida la deportazione per scioperare contro la guerra, di Enrico Chilò che ci viene ricordato come capace di resistere alla più tremenda delle bastonature fasciste, di Amedeo Bettini “Il Moro”, di Mario Biga, di Carlini Umberto che nonostante la sua mutilazione non si sottrae all’impegno politico nel CLN, di Carlo Lavezzari, Bignami Angelo e di Pappalettera Vincenzo il testimone e ricercatore, di Pierino Giussani, dei giovani Salada Antonio, Triulzi Osvaldo, Agostoni Giuseppe caduti combattendo, il coraggio tutto femminile della giovane Maria Cò, e delle mogli dei Partigiani. In Vittorio ritroviamo un tratto di ognuno di loro, da loro è venuta la nostra Costituzione , in Vittorio vediamo la richiesta intransigente dei suoi articoli, il ripudio della guerra, il diritto al lavoro, alla casa, la pari dignità di tutti gli esseri umani, la coerenza limpida dei principi morali, la dolcezza verso i più piccoli e indifesi. Ringraziamo la mamma Egidia Beretta, che nonostante la fatica e il dolore del ricordo ci ha guidato ad una conoscenza meno superficiale della splendida figura di Vittorio. Grazie a Giovanna Baracchi dell’ANPI di Paderno Dugnano per aver condotto questo delicato percorso di conoscenza e riconoscenza
è disponibile la registrazione video della serata


MARZO 1946 - 8 MARZO 2016
70 ANNI DI SUFFRAGIO FEMMINILE IN ITALIA
70 ANNI DI SUFFRAGIO FEMMINILE IN ITALIA Un traguardo da ricordare, primo passo nel cammino di EMANCIPAZIONE,
frutto della partecipazione attiva
delle donne alla lotta di liberazione
e di quei valori democratici che la RESISTENZA ha suggellato nella COSTITUZIONE.
Un’eredità da difendere, anche e soprattutto dall’indifferenza, dall’astensionismo, dall'egoismo, dall’ignoranza.
Perché dall’eguaglianza dei diritti formali, si possa giungere all’EGUAGLIANZA REALE.
Dalle DONNE dell’ANPI DI Bovisio M,
AUGURI ALLE DONNE DI TUTTO IL MONDO


18 FEBBRAIO 2016
”EMERGENZA UMANITARIA - EMERGENZA DI UMANITÀ”

sconfiggere l’indifferenza, costruire la pace
Manifesto-EMERGENZA UMANITARIA EMERGENZA DI UMANITA-
foto presentazione della serata a cura dell'ANPI
foto intervento dell'assessore alla cultura
foto momenti del dibattito
foto momenti del dibattito
Mezzo milione di rifugiati sono in cammino in Europa: gli Stati si confrontano e discutono di come far fronte alla "crisi migratoria" che, se ignorata, "sarà il preludio di una catastrofe". I leader esprimono la comprensione per i rifugiati, ma in concreto agiscono così: c'è chi predispone quote di ingresso o si rifiuta di aumentarle, se già le ha; chi proclama di "non essere un Paese di immigrazione"; chi dice che, dopotutto, c'è la crisi economica, e loro non ne sono ancora usciti, non si può chiedere di accollarsi altri problemi! Chi invece sceglie e dice sì, va bene l'accoglienza, ma solo di rifugiati della tal provenienza o estrazione. Avete riconosciuto la storia? Evian, Francia, 1938. Allora, nel 1938, non si concluse niente, con i risultati che ben conosciamo. Stasera vogliamo offrire la possibilità di conoscere e riflettere.
è disponibile la registrazione video della serata

9 FEBBRAIO 2016
2° CONGRESSO DI SEZIONE
Manifesto congresso foto congresso foto congresso Relazione 2° congresso A.N.P.I. Sono trascorsi quasi 7 anni dal 31 maggio 2009 in cui ricostituimmo a Bovisio Masciago la sezione dell’A.N.P.I. Senza neanche sapere che a livello nazionale l’A.N.P.I. stava decidendo un nuovo corso, l’anticipammo, il nuovo corso, costituendo una sezione che oltre alla difesa e la promozione della memoria della storia della Resistenza, proponesse ai propri concittadini ambiti culturali-politici (politica in senso aristotelico, come dice il presidente Smuraglia) per riflettere ed intervenire sull’attualità. Partendo da una considerazione: a settant’anni dalla riconquista della libertà, c’è bisogno più che mai degli antifascisti, quali anticorpi fondamentali per difendere gli ideali dei partigiani e calarli nel concreto della vita della società. In questi 7 anni, in Italia e nel mondo sono cambiate tante cose, il mondo si evolve (o si involve) con una velocità impressionante, ma una cosa non è mai cambiata: la necessità di un impegno forte e costante per la realizzazione di una società giusta, secondo i dettami della Costituzione nata dalla Resistenza e dei partigiani che si sacrificarono per essa. Relazione completa
Documento politico congressuale e regolamento

27 GENNAIO 2016
GIORNATA DELLA MEMORIA
Manifesto spettacolo teatrale Manifesto spettacolo teatrale volantino ANPI spettacolo teatrale
Edith Stein, di famiglia ebraica, filosofa, femminista, impegnata nelle attività politico-sociali a favore del diritto di voto delle donne e del ruolo sociale della donna lavoratrice. Convertitasi al cattolicesimo, diventò monaca nell’ordine delle Carmelitane scalze.

Il 12 aprile 1933, alcune settimane dopo l'insediamento di Hitler al cancellierato, scrisse a Roma per chiedere a papa Pio XI e al suo segretario di stato – il cardinale Pacelli, futuro papa Pio XII - di non tacere più e di denunciare le persecuzioni contro gli ebrei.

Il 26 luglio 1942 Adolf Hitler ordinò l'arresto degli ebrei convertiti: Edith e sua sorella Rosa furono catturate e internate nel campo di transito di Westerbork prima di essere trasportate al campo di concentramento di Auschwitz, dove furono uccise nelle camere a gas il 9 agosto 1942.

Sono trascorsi 71 anni dalla fine della seconda guerra mondiale e dalla chiusura dei campi di sterminio nazisti. Guerre, persecuzioni razziali, terrorismo e dittature insanguinano ancora molti Paesi e minacciano la convivenza civile e la pace anche in Europa. Rimane più attuale che mai la necessità di conoscere e non dimenticare gli orrori della Shoah e della deportazione: per sconfiggere l’indifferenza, il razzismo, ed ogni forma di nuovi fascismi, per impegnarsi a costruire la pace.

ARCHIVIO ATTIVITÀ 2015
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2014
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2013
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2012
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2011
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2010
ARCHIVIO ATTIVITÀ 2009